Onconauti 750x500

Meta (ovviamente trasformata) per gli Onconauti!

Quando la solidarietà chiama, il rugby arriva in sostegno. E francamente, non poteva esser altrimenti.

Grazie all’amicizia fra il Rugby  Bologna 1928 e l’associazione Onconauti (attiva nel recupero post cure tumorali) si è raggiunto un grande obbiettivo sociale. Una raccolta fondi, da devolvere interamente a questa realtà impegnata intensamente nella riabilitazione socio-lavorativa di chi, nella vita, è stato più sfortunato di altri.

Così, tra UP&UNDER ai canditi ed  OFF-LOAD  alle gocce di cioccolato, la comunità rossoblù si è mossa in forze verso la meta solidale. Ragazzi, giocatori, giocatrici, dirigenti,genitori e semplici appassionati sono entrati in mischia acquistando i panettoni dell’associazione in vendita nella nostra club house.

Il tipico dolce natalizio come traghettatore dunque, per quello che è un  gesto tanto semplice quanto profondo, nella speranza che questo piccolo contribuito possa strappare un sorriso a chi il cancro stava per strappare via tutto.

Sfortunatamente, chi vi scrive, conosce  bene quel malefico iter. Mia madre si ammalò nel 2011. L’operazione, poi la Chemioterapia, la Radioterapia e la conseguente perdita di capelli (per una donna – all’epoca di 51 anni – fu una vera e propria mazzata!), prima della lenta risalita. La vita salvata dalla scienza,  certo, ma anche dall’aiuto di associazioni come questa, che contribuiscono a forgiare quella corazza impenetrabile necessaria di fronte alle difficoltà di una battaglia quotidiana, senza quartiere e troppo spesso senza pietà.

Grazie quindi , a chi si occupa di tutto questo e a chi, “andando in meta”, ha voluto portare il suo personalissimo ovale oltre l’ultima linea della solidarietà!

Andrea Nervuti