b 1

Serie B – L’EmilBanca supera Parma e si rimette in marcia …

Sugli spalti del centro sportivo “ la Dozza”,  avvolti da un misterioso tepore di fine Gennaio, si è potuto finalmente tornare a gioire per un convincente successo dell’Emilbanca Bologna 1928. Al fischio finale, guardandomi attorno fra quei pallidi gradoni, ho notato come qualcuno fosse trascinato da un coinvolgimento diverso da quello tipico che può zampillare fuori per un semplice successo di metà stagione. C’era qualcosa di più, qualcosa di liberatorio. Già, perché non dimentichiamoci che alla vigilia del match i punti interrogativi erano parecchi; vuoi per il valore tecnico di un avversario da sempre ostico, vuoi per l’esordio di un nuovo allenatore o vuoi per un momento storico particolarmente negativo (due sconfitte consecutive tra Medicei e Romagna) di sicuro non vi erano certezze, se non quella  di poter contare sulla reazione di gruppo che non meritava  certo di pasturare nell’oblio del 5° posto in classifica.  La risposta per fortuna è arrivata, ed è stata molto più che positiva.

La partita. L’inizio bolognese è furente. Il Parma è costretto a difendersi come può e già dopo  8 minuti finisce in inferiorità numerica. Bottone prima sbaglia il piazzato del vantaggio, poi illumina il gioco con una grande apertura al piede che si trasforma nel blitz che rompe il ghiaccio: palla oltre la linea difensiva, scambio alla mano e Signora che vola in meta. La stessa apertura rossoblù centra la trasformazione per un benaugurante 7 a 0 iniziale. Calma però, perché gli ospiti non sono venuti a farsi una gita sotto le Due Torri e pressoché immediatamente accorciano  il gap con la punizione pennellata dal cecchino Righi Riva.

7-3.

Tutto da rifare, o quasi.

Al 21’, Sergi è bravo a sgusciar via fra le livree gialloblù andando a timbrare la meta del 12 a 3 ma, anche in questa occasione, Parma reagisce immediatamente affidandosi al piede del suo numero 10. “Boom –  boom”, doppia pedata in successione(la prima da quasi 50 metri!)  e grazie alla precisione della sua artiglieria la comitiva del Granducato si porta minacciosamente sul 12 a 9, a sole 3 lunghezze dell’Emilbanca. Un equilibrio pericoloso, soprattutto vista la fragilità psicologica che sta attanagliando la squadra in questa fase di campionato. Fortunatamente la difesa regge, l’arrembaggio parmense non si concretizza e la compagine per la prima volta condotta in panchina da mister Venturi trova le forze per allungare. Ancora con Signora, stavolta sul binario di sinistra, a pochi spiccioli dalla chiusura del primo tempo. Bottone non arrotonda, ma il folto pubblico può godersi la birra dell’intervallo sul rassicurante +8 in favore dei padroni di casa.

b 2Nella ripresa l’Emilbanca gestisce la partita coi tratti tipici della grande squadra. Alterna tutti gli effettivi a sua disposizione, disinnesca le iniziative ospiti e colpisce il bersaglio grosso con capitan Sandri al 61esimo, praticamente spinto sotto ai pali da tutti i compagni. Bottone aumenta il margine di sicurezza aggiungendo i due punti supplementari che si traducono in un robusto quanto meritato 24 a 9. Gli ultimi dieci minuti passano spensierati, con il meritato punto di bonus già intascato e soprattutto con la ritrovata consapevolezza  che questo collettivo potrà rientrare a pieno titolo nella lotta per la promozione.

Congratulazioni a tutta la squadra dunque per la grande reazione di fronte all’avversità del momento, ma una menzione particolare va dedicata a Tommaso Giannuli schierato per la prima volta secondo centro a soli 19 anni e autore di una prestazione maiuscola, perfettamente bilanciata tra sagacia tattica e doti tecniche di altissimo valore.

Complimenti.

Ora due settimane di sosta dovute all’inizio del 6 Nazioni (utilissime al nuovo tecnico Edgardo Venturi per recuperare giocatori e trovare l’amalgama giusta)  poi l’impegno -assolutamente da non sottovalutare- contro il fanalino di coda Arezzo in quella che, visti gli intrecci del calendario, potrebbe diventare la giornata ideale per consentire ai nostri ragazzi di braccare le prime della classe!

Tabellini

Emilbanca Rugby Bologna 1928 v. Rugby Parma 1931  24 -9

Marcatori:   13° meta Signora  –  tr Bottone;  17° CdP Righi Riva (Parma);  21° meta Sergi; 23° CdP Righi Riva (Parma); 29° CdP Righi Riva (Parma); 38° meta Signora; 69° meta Sandri – tr Bottone.

Formazione:  Soavi, Zambrella (78° Bernabò), Giannuli, Alberghini, Signora (55° Neri), Bottone, Sergi, Ferretti, Schiavone, Gambelunghe (41° Vedrani) Cesari, Tosatto (69° Gambacorta), Sandri (78° Minore), Anteghini (59° Motolese), Fadanelli (54° Macchione).

 

Andrea Nervuti