philip 1

Under 18 – L’Hera Collegium si sdoppia: vince il derby ad Est, ma scivola a Piacenza nel girone Ovest

Gioie e dolori nella domenica rugbistica per le nostre franchigie under 18 impegnate rispettivamente contro la Reno nel girone Est ed i forti Lyons Piacenza nel girone Ovest.

Un bicchiere mezzo pieno dunque, che se da un lato rende felici per il successo nella stracittadina, dall’altro ingrigisce di fronte alla sconfitta subita in quelle lande che furono i salotti  di Maria Luigia d’Austria nella prima metà dell’Ottocento.

Adesso però, lasciamo per un attimino da parte la storia e passiamo ai resoconti delle sfide.

Raggruppamento Est:  Reno Rugby Bologna vs Hera Collegium 12 -18
In barba ad un calendario che recita 19 Novembre, splende un raggiante sole sul centro Centro Polisportivo Barca dove si disputa il derby felsineo tra La Reno e la Franchigia Collegium Bologna, valevole quale quinta gara del girone est dell’ Emilia Romagna.
La partita. Nemmeno il tempo di dare il via alle ostilità che il  Collegium è già in meta.
Sul calcio di inizio la Franchigia conquista palla e. dopo un punto di incontro, segna la meta sull’out di sinistra con il proprio mediano di mischia Federico Tarantino. La realizzazione non entra ed il risultato si fissa subito sul 5 a 0 per i bolognesi in maglia bianco blu.
All’avvio shock però, segue una fase confusa di gioco con continui errori da una parte e dall’altra.
Tuttavia, il predominio territoriale della Franchigia guidata dal mister Mandrioli fuoriesce e si concretizza al 22esimo grazie alla marcatura Nick Regazzi, bravo a sfuggire sul binario mancino dopo una repentina apertura in uscita da una ruck.
10 a 0 e match in discesa? Niente affatto. La Reno risponde “presente” e sul finire del primo tempo segna la meta che accorcia le distanze. Non solo, centra anche i pali sulla relativa trasformazione e si porta all’intervallo sul -3.
Sorpasso e contro sorpasso. Cavalcando l’entusiasmo figlio della rimonta cominciata sul morire del primo tempo, i  padroni di casa sorprendono nuovamente la Franchigia riuscendo a realizzare addirittura la seconda meta e portandosi incredibilmente in vantaggio per 12 a 10.

Il momento è duro ma l’Hera Collegium è brava a stringere i denti evitando l’imbarcata decisiva.
I ragazzi di Mander si ricompattano e passato l’istante di difficoltà, la squadra riprende a macinare gioco, giungendo meritatamente alla terza meta con il pilone Paolo Pritoni, abile a sfondare la trincera casalinga sugli sviluppi di una punizione dentro ai 22.
Ennesimo errore dalla piattaforma e risultato di 15 a 12 per la Franchigia.
A questo punto, il contro sorpasso della Franchigia bolognese rigetta l’incontro in una seconda ondata confusionaria, dove chiunque potrebbe prevalere sugli altri. E allora ecco che – “per non sapere ne legger ne scrivere”- i bianco blu vanno per i pali alla prima occasione utile architettata nella zona rossa avversaria e portano a casa il colpo del KO.

Stavolta la realizzazione del mediano di apertura Milos Cavalli è perfetta e la partita termina sul risultato di 18 a 12.
LA FRANCHIGIA VINCE IL DERBY DI BOLOGNA!

Successo fondamentale ma non certo scontato alla vigilia. Vincere un derby fa sempre bene, ma sicuramente c’è qualcosa da rivedere. I calci piazzati in primis …

Sono scesi in campo:
15) Magli; 14)Testoni; 13)Pezzoli (sostituito da Talassi); 12)Setti; 11)Regazzi (sostituito da Cordova); 10)Kurtesi (sostituto da Cavalli) 9)Tarantino; 8)Serra; 7)Frandina; 6)Costantino; 5)Gambacorta (sostituito da Govoni); 4)Mandrioli; 3)Pritoni; 2)Forastiero;
1)Mulè (sostituito da Minelli).

 

Raggruppamento Ovest: LYONS PIACENZA vs HERA COLLEGIUM BOLOGNA 42 a 7

Splende un bel sole  anche sullo stadio Beltrametti di Piacenza dove il terreno di gioco è in ottime condizioni per la sfida fra i Lyons padroni di casa e gli ospiti dell’Hera Collegium. Dalle nostre parti i caldi anomali di questa stagione vengono identificati col classico nomignolo di “ estate di S. Martino” a Piacenza non lo sapremo mai ma non importa, intanto gustiamoci questa piacevole domenica di rugby.

La partita. Agli ordini del signor Renzi di Parma sono indubbiamente i Lyons a fare la voce grossa sin dalle prime battute, forti di  un pacchetto di trequarti veramente competitivo e di una mediana davvero talentuosa.  A differenza dei Bolognesi invece,  che appaiono contratti ed in grossa difficoltà di fronte alle sfuriate delle maglie nere. Insomma con queste premesse si scivola piuttosto rapidamente alla prima meta piacentina, giunta a  pochi minuti dal fischio d’inizio per mano del centro numero 13 che, dopo aver ricevuto palla sull’ out destro all’uscita di una mischia ai 5 metri , trova lo spiraglio giusto per sbloccare il match.

La trasformazione del numero 15 è precisa ed il punteggio sale sul 7 a 0.

Lo scossone iniziale però, accende  involontariamente la scintilla felsinea  che sfocia nella meta di Priola (trasformata da Rizzoli) per un repentino cambio di rotta. Ecco, peccato che proprio sul 7 pari, quando  il mutato atteggiamento dei giocatori bolognesi farebbe presagire ad una riscossa, i Lyons  riescano sagacemente a graffiare  nuovamente l’autostima dei nostri ragazzi infilando una marcatura “pesante” che vale il 14 a7.tanzilli 2

La nave petroniana sta prendendo la deriva ed  i tecnici felsinei  provano a riattaccare la spina con qualche cambio (entra Micheler per Prola e Paolini per Ferretti)ma il primo tempo si conclude con la terza  meta del Lyons, ancora ad opera del  numero 10, abile a sfruttare un’avvolgente manovra offensiva fatta di off load e passaggi rapidi fino all’ultima linea. Il resto lo fa l’educato piede del numero 15, per un 21 a 7 con cui si chiude la frazione.

Il secondo tempo comincia con l’ Hera Collegium Bologna che si porta in avanti stabilendosi per parecchi minuti caparbiamente nella metà campo piacentina, ma dopo alcune fasi di attacco dentro i 22 metri la palla viene persa in avanti e la grande mole prodotta non porta a nessun risultato. A questo punto il Collegium sfoggia anche gli ultimi cambi  nel tentativo  disperato di riaprire il match( entrano Campanini per Petracca e Resca per Philip) ma il prodotto non cambia e dopo la tenue sfuriata bolognese,  i Lyons segnano altre tre mete: le prime due con attacchi veloci da dietro, dei numeri 14 e 10, la terza da maul avanzante, con la realizzazione del numero 2.

Al fischio finale dell’ arbitro, il punteggio recita  42 a 7 in favore dei piacentini. Sei mete incassate la dicono lunga sull’ andamento di questa partita, nella quale Hera Collegium Bologna ha palesemente subito il ritmo alto imposto dal Lyons Piacenza, senza riuscire a far vedere quel bel gioco di cui i nostri ragazzi sono capaci.

Bisogna lavorare per migliorarsi,in particolar modo sotto l’aspetto caratteriale, in quanto la chiave di lettura di questa gara sta tutta lì,cioè coi i piacentini che  hanno approcciato l’incontro con la giusta mentalità sfruttando appieno le deficitarie ambizioni bolognesi.

Adesso ci aspettano due settimane di riposo prima del prossimo turno, che ci vedrà opposti al Forlì, per il girone est e al Colorno per quello ovest.

HERA COLLEGIUM BOLOGNA:

15) MINARELLI; 14) TANZILLI; 13) CHIARELLI; 12) RIZZOLI; 11) PETRACCA; 10) FERRETTI; 9) CEVOLANI;  8) BURZI; 7) GUIDETTI; 6) PAGANELLI; 5) ARDIZZONI; 4) ZANNARINI; 3) PRIOLA; 2) ANTEGHINI; 1) PHILIP;        16) MICHELER; 18) RESCA; 20) PAOLINI; 22) CAMPANINI

MARCATORI; PRIOLA 1 META, RIZZOLI 1 TRASFORMAZIONE

Si ringrazia Silvia Pondrelli per le foto e Mauro Anteghini per la base su cui si è sviluppato l’articolo.