Quella volta che i marziani sbarcarono a Bologna

L’idea di raccontare il nuovo Bologna Rugby in un fumetto ha sorpreso anche noi, ed è nata per caso: Andrea si è inventato un dialogo tra due rugbisti e Fabio ha pensato di raffigurarli a spasso per Bologna.

Le strisce ci sono piaciute perché riescono a raccontare lo storico accordo tra il Bologna 1928 e la Reno in modo originale e ironico, e pazienza se i misteriosi quasi umarells Checco e Lello non ne escono benissimo, così improbabili nel loro “mingardesco” bolognese e pure un tantino rintronati, o almeno così ci vogliono far credere.

Aldilà della divertente chiacchierata tra i due per narrare la storica unione, crediamo che il valore del fumetto stia nel modo nel quale è nato. Andrea (Bo1928) e Fabio (Reno) hanno messo insieme – in modo naturale – le loro passioni e qualità per fare un qualcosa che separatamente non avrebbe avuto lo stesso effetto.

La volontà della nuova Società è proprio quella di costruire un qualcosa di nuovo e più grande, partendo dalle migliori qualità di ognuno di noi. Le basi sono solide, le Società in salute e con grandi storie alle spalle. Siamo certi che la passione che ci accomuna tutti e le tante capacità che abbiamo ci porteranno in un vicinissimo futuro a diventare una grande società sportiva, ancora più diffusa sul territorio, vicina ai ragazzi e, perché no, in grado di dare ai rugbisti bolognesi nuove e importanti soddisfazioni sui campi da gioco.

Buona lettura.

Raffaele Capone
Francesco Paolini

SCARICA IL FUMETTO IN PDF