Serie A Femminile – Fenici travolte dall’Unione Capitolina

Pomeriggio nerissimo (in tutti i sensi, tanto da sembrare una domenica di novembre) per Le Fenici che, fra le gelide mura amiche dello stadio “Dozza”, subiscono una sonora sconfitta per mano dell’Unione Capitolina. 3 a 71 il finale, in un match mai messo in discussione e che costringerà le nostre ragazze a difendere con i denti il terzo posto dalla rimonta delle Belve Neroverdi.

Per le “BiancoRossoBlu” è tempo di azzerare la mente, focalizzandosi sulla prossima trasferta in quel di Perugia dove affronteranno le combattive Donne Etrusche. Una vittoria, riporterebbe le nostre in terza posizione, in attesa della super sfida in programma nell’ultima giornata di “regular season” proprio contro le aquilane.

La partita. Diciamo che una vera e propria partita quest’oggi non c’è mai stata. Pronti via, le romane infilano la difesa di casa sull’out sinistro. Passano dieci minuti e, dopo un paio rimesse storte battute dalle bolognesi, le capitoline segnano ancora, stavolta con la numero 7 al termine di una lunga serie di fasi offensive. Trasformazione in mezzo ai pali e punteggio sullo 0 a 12.

Al 17’, l’apertura ospite sventaglia intelligentemente l’ovale sul binario di destra pescando alla perfezione la compagna in corsa. Meta. Applausi. La conseguente trasformazione finisce sul palo ma la contesa è palesemente segnata. Tanto è vero che già al 21′ le laziali conquistano il punto di bonus, sfruttando un ribaltamento del fronte offensivo partito da sinistra e conclusosi con la quarta meta schiacciata direttamente sotto alla porta. Comodo destro dalla piazzola e 0 a 24.

Con l’obiettivo raggiunto piuttosto in anticipo rispetto alla tabella di marcia, le capitoline rallentano e le “Tosco -Emiliano -Romagnole” trovano lo scatto d’orgoglio che vale gli unici tre punti dell’incontro. Barbugli, all’altezza della linea dei 22, piazza l’ovale per il momentaneo 3 a 24.

Uno squillo isolato, che non cambia purtroppo l’andamento del match. Prima dell’intervallo infatti, arrivano altre tre marcature ospiti tutte convertite dalla talentuosa numero 10 romana.

Al 30’, il mediano di mischia gioca velocemente una punizione centrale e sguscia oltre la linea difensiva di casa. Al 36’, sugli sviluppi di una rimessa laterale clamorosamente deviata dal vento (e misteriosamente non fischiata dall’arbitro) arriva la sesta meta del match. Infine, praticamente allo scadere di frazione, approfittando dell’ennesima touche persa in zona difensiva il carrettino sfonda la trincea bolognese per la settima volta mandando tutte al riposo sul 3 a 45.

La ripresa segue lo stesso canovaccio, con l’Unione che timbra altre 4 volte (3 delle quali trasformate) per un durissimo 3 a 71 conclusivo.

Poco altro da aggiungere: bisogna archiviare questa giornata negativa e pensare alla prossima partita. I “barrage – scudetto” sono ancora alla portata e sarà fondamentale l’ultimo sforzo per raggiungere ancora una volta questo prestigioso traguardo.

Forza ragazze!

Tabellini

Le Fenici Bologna 1928 v. Unioni Capitolina 3-71

(punti 0-5)

Bologna 1928: 15) Bellavista, 14) Piva, 13) De Luca, 12) Colangeli, 11) Cardella, 10) Rovatti, 9) Vetrini, 8) Castelli, 18) Casadio, 6) Gazzotti, 5) Chelazzi, 4)Pinzauti, 3) Grossi, 2) Baruzzi, 1) Barbugli.

A disp. 16) Yaspik,17) Martins, 7) Fantoni, 19) Gardenghi, 20)Maccaferri, 21) Cavicchi, 22) Bartolini, 23) Granzotto.

All. Zuccherelli

Marcatrice: 26’ cdp Barbugli