Serie B – L’Emilbanca lotta e supera anche Viadana!

Riprende con l’ennesima vittoria (la sesta consecutiva) il cammino dell’Emilbanca Bologna 1928 che, fra le mura amiche dello stadio “Dozza”, abbatte l’orgogliosa resistenza del Viadana imponendosi per 20 a 13.

Un match complicato e spigoloso (4 gialli), che i ragazzi di coach Guermandi hanno condotto in porto lottando su ogni singolo pallone. Qualche errorino di troppo, soprattutto in rimessa laterale, controbilanciato da quel grande spirito di gruppo che non ha lasciato scampo alla formazione lombarda.

Secondo posto difeso dunque; ora la trasferta di Verona, poi il via al girone di ritorno.

La partita. Meno di 180 secondi ed ecco che il signor Stefano Frontini estrae immediatamente un cartellino giallo all’indirizzo di un giocatore in maglia nera. In superiorità numerica, Bologna tenta subito di approfittare del vantaggio ma Viadana regge l’urto e così, alla prima vera occasione in zona rossa, i padroni di casa si accontentato di centrare i pali con l’infallibile Giannuli per il 3 a 0 iniziale.

Ristabilita la parità sul campo, sono gli ospiti a spingere sull’acceleratore costringendo i felsinei a difendere l’ultima linea con le unghie e con i denti. Will Wright salva miracolosamente una meta che sembrava fatta sull’out di destra, mentre tutta la trincea rossoblù respinge sistematicamente i continui assalti mantovani. Dopo interminabili minuti di assedio, la squadra diretta da mister Sanfelici opta per il piazzato: ovale fuori e tifosi di casa che tirano un sospiro di sollievo.

Passata la grande paura, l’Emilbanca si rigetta in avanti e questa volta trova la via della meta con Signora, bravo ad infilarsi centralmente fra le linee difensive lombarde. Trasformazione comoda e punteggio sul 10 a 0. Prima dell’intervallo però, c’è tempo anche per il secondo giallo di giornata, questa volta sventolato sotto al naso del rossoblù Fadanelli.

Nella ripresa, coi caimani in 15 contro 14, il vento cambia: al 2’ Viadana marca in bandierina, al 14’ pareggia con Manghi, sempre sulla stessa bandierina lungo la corsia di sinistra. Entrambe le trasformazioni finiscono lontane dai pali, ma adesso è tutto da rifare: 10 a 10. Fortunatamente Bologna ha le spalle larghe e non si smarrisce.

Ventesimo minuto o giù di lì. Punizione fischiata in zona “calda” in favore dei padroni di casa. Coach Guermandi vorrebbe la mischia, ma la squadra si affida alla rimessa laterale. La scelta funziona, il carrettino spinge e Fadanelli schiaccia l’ovale oltre l’ultima striscia bianca. Giannuli infilza l’acca da posizione complicata e Bologna torna avanti nel punteggio:17 a 10.

Neanche a dirlo, Viadana non si arrende. A 7’ dal termine, gli ospiti si guadagnano una piazzato e una nuova superiorità numerica (giallo a Guandalini). Pali centrati e risultato ancora una volta in discussione. Bologna 17, Viadana 13. Con gli avversari sotto break e l’uomo in meno, i rossoblù raddoppiano gli sforzi, costringendo gli avversari a logorarsi lentamente, tanto da concedere agli emiliani l’ultima punizione della partita, quella che -da posizione semi impossibile- il cecchino Giannuli realizza per il 20 a 13 conclusivo.

Onore delle armi agli ospiti, ma al triplice fischio Bologna può festeggiare una meritatissima vittoria che vale il secondo posto solitario a + 3 dal Villorba.

Tabellini

Bologna 1928 v. Viadana 1970  20-13

(punti:4-1)

Bologna Rugby 1928: Wright, Zambrella, Giannuli, Neri, Signora, Bottone (62’ Alberghini), Sergi, Vedrani, Schiavone, Gambelunghe (75’Barbolini), Cesari, Macchione F., Fadanelli, Anteghini(62’ Guandalini), Macchione E. (63’ Sandri).

A disp. Gambacorta, Guatelli, Ferretti.

All. Guermandi

Marcatori: cdp Giannuli, meta Signora tr Giannuli, meta Fadanelli tr Giannuli, cdp Giannuli.

Foto Andrea Malossini