Serie A femminile – La lunga vigilia …

Ormai ci siamo. Dopo un’intensa stagione vissuta sempre ai vertici del  girone 2 del campionato di serie A femminile, siamo finalmente giunti al dunque: domenica 27 maggio infatti (stadio “Inferno Monti” di Forlì ore 15,30) le ragazze di coach Zuccherelli si troveranno di fronte alle pericolosissime Valsugirls, per un grande pomeriggio di rugby che decreterà quale sarà la prossima finalista–scudetto fra Fenici Bologna e Valsugana Padova.

Un impegno sulla carta davvero complicato, dal momento che le venete sono reduci dal trionfante quarto di finale contro Frascati (sbranate per 78 a 7) e sin dalla prima giornata risultavano esser fra le candidate al titolo di campionesse.

A poche ore della partita più importante della stagione, abbiamo fatto una chiacchierata con Lucio Bini, responsabile del settore femminile del Bologna 1928.

Lucio, aldilà di come finiranno i play off scudetto, “l’obbiettivo rosa” per la stagione 2017/18 è stato centrato, giusto?

Centratissimo. Considerando che il progetto di tutoraggio ha coinvolto ben 8 società (Bologna, Forlì, Mugello, Imola, Pieve, Carpi, Rimini e Ravenna), lo staff ha superato tutte le difficoltà organizzative e le ragazze hanno sempre dato il massimo in termini di impegno e disponibilità. Un successo al di sopra delle aspettative.

Una “regular season” prima dominata a braccetto con Montevirginio e poi conclusa al 1° posto dopo il successo ottenuto nell’ultima giornata proprio contro le laziali. Una galoppata figlia di tanti aspetti positivi … uno su tutti?

Lo spirito di squadra che si è creato tra le ragazze è stato la chiave di volta che le ha portate a disputare un girone di ritorno a punteggio pieno. Per molte non è stato facile accettare l’esclusione in alcune partite, ma alla fine il sacrificio di tutte ed il sostegno reciproco sono state le carte vincenti di questo ambizioso progetto.

Senti, quanto sono importanti le ragazze per il brand Rugby Bologna 1928?

Una squadra vincente è sempre importante per il brand della Società, femminile o maschile che sia. D’altra parte è indiscutibile il fascino che la nostra squadra femminile ha suscitato negli amici di Ottima, main sponsor che ci affianca in questa avventura e che ringrazio ancora una volta per il sostegno.

Che duello ti aspetti domenica? Loro favorite, certo, ma noi speriamo di contare sulla spinta di una grande cornice di pubblico …

Le ragazze di Valsugana sono una vera e propria corrazzata; hanno vinto gli ultimi tre scudetti, hanno disputato l’ennesimo campionato di altissimo livello esattamente com’era nelle previsioni. E per fortuna regalano molte giocatrici alla Nazionale Femminile. Per le nostre Fenici sarà una sfida elettrizzante, e so che ciascuna di loro si sta preparando per dare il meglio di sé. Ci aspettiamo senz’altro la “sedicesima donna in campo” da parte del pubblico: la Società amica del Forlì 1979 sta facendo le cose in grande.

Vuoi fare un ultimo appello per convincere proprio tutti a venire?!

E’ una occasione ghiottissima per vivere una domenica di grande emozione rugbistica, solo chi viene potrà dire “io c’ero”. E poi  non vorremo mica mandare a male tutta quella salsiccia, quella porchetta e quella birra, no?

 … chiaramente no!

Beh, a questo punto Lucio non resta che ringraziati per la chiacchierata. Ci vediamo domenica fra le tribune del “Monti” di Forlì.

Certo. A Domenica.

 

Andrea Nervuti