Under 16 – Contro il Cesena il Collegium Bologna si fa squadra.

E’ una tiepida mattina di Febbraio e ti accorgi che la primavera è alle porte perché anche Hassan sfoggia uno “smanicato” della Fir molto fashion.
Il 27 a 20 subito nel gelido campo di Cesena è solo un ricordo lontano.
Sul campo, il Collegium si presenta in livrea Rossoblù e saluta Giorgio fermo ai box.
Gli ospiti in bianco-nero si schierano con il sole a favore, mentre il gigantesco n°18 siede in panchina.
Dopo tre minuti, le prime schermaglie di studio lasciano spazio ad una corsa solitaria di un romagnolo fermato a due metri dalla meta: il Collegium è avvisato, non sono ammesse distrazioni.
Le squadre si controllano, errori da una parte e dall’altra e mischie equilibrate.
Al 9’, da una touche sull’estrema sinistra nasce una azione che si conclude all’estrema destra con palla passata senza errori fino all’ala che veloce schiaccia l’ovale in area di meta. Calcio fuori e 5 a 0.
Il Cesena non riesce a reagire, il Collegium invece è sempre sull’uomo con la palla e costringe gli avversari dentro la loro metà campo. Da qui, un errore di passaggio spiana la strada dell’ala sinistra che ci porta sul 10 a 0 al minuto 19. Calcio difficile e ovale ancora fuori.
Ora il Cesena sembra colpito, mentre i rossoblù sono organizzati e aggressivi ed in pochi minuti chiudono la contesa portando il pallone in meta altre tre volte.
Il primo tempo termina sul 25 a 0. 5 mete, nessuna realizzazione ma ci possiamo accontentare.
Nella ripresa, il Cesena fa entrare il giocatore più forte lasciato in panchina nel primo tempo e la squadra appare più franca.
Nessuna timidezza nei rossoblù che moltiplicano la buona trama difensiva e sembrano reggere l’urto bianconero.
Al decimo minuto, con il Collegium pressato nei 22 metri, un calcio in avanti del Cesena colpisce il legno della traversa ingannando la nostra linea difensiva; la palla cade in mano ad un bianconero che deve solo buttarsi e segnare. E se la meta è rocambolesca, il calcio non è da meno: da posizione centralissima un siluro potente  tocca la traversa prima di infilarsi fra i pali. Collegium 25, Cesena 7.
Il Collegium però non si scompone e riprende a macinare legna su tutto il fronte di attacco, allargando le maglie difensive che cadranno sotto un’improvvisa perforazione in velocità al centro della linea di meta.

Stavolta il calcio di realizzazione centra la porta: 32 a 7. La partita continua con lo stesso registro: un Collegium attento ed un Cesena che tenta di arrivare nei 22 ma non ci riesce. A cinque minuti dalla fine, il Bologna è di nuovo nei 22 metri avversari; nella concitazione, la palla rimbalza sulla schiena di un rossoblù finendo tra le braccia di Lorenzo Pilati che segna la sua prima meta stagionale. Il calcio, molto angolato, si spegne fuori e la partita termina sul 37 a 7 in favore del Collegium.
Finalmente si è vista la squadra e la vittoria è stata cercata, voluta e costruita nell’attenzione difensiva, nel recupero degli errori e nella velocità in attacco. Buone le mischie e le touche. Ci sono ancora margini di crescita per questi ragazzi, nei passaggi e nei calci di realizzazione procediamo un passo alla volta.  
Al campionato del mondo mancano ancora più di sei mesi, arriveremo in forma strepitosa!
E vogliamo anche Giorgio nella mischia con noi!

Forza Giorgio.

Formazione: 15 Albanelli,14 El Kholdi,13 Viviano,12 Micheler ,11 Tondi , 10 Fini (C) ,9 Pinto, 8 Merighi, 7 Fuda, 6 Maccaferi, 5 Ropa ,4 Iori (VC) ,3 Fatturoso, 2 Gualandi, 1 Venturi.
 A disposizione: 16 Caporale , 17 Andreetti, 18 Testoni 19 Radmanovic,20 Evangelisti, 21 Pilati ,22 Aureli.
Allenatori: Sgarzi e Navarra

Resoconto di Claudio Merighi