Under 16: il Rugby Bologna 1928 perde l’imbattibilità

E’ dagli errori che si cresce e si fa esperienza, è solo quando cadi che ti devi rialzare e ricominciare a camminare, è proprio dalla sconfitta di domenica 4 dicembre che devi guardarti dentro e trovare la forza di capire cosa serve migliorare per arrivare alla META.

Al campo Sgorbati di Pieve di Cento il Rugby Bologna 1928 con i suoi splendidi ragazzi di Pieve ha giocato la sua partita piu’ bella ma sopratutto piu’ combattuta e agonisticamente piu’ intensa, l’ ultima partita del girone di andata ha visto però i ragazzi di Imola vincere con un perentorio 28 a 15 grazie all’ottima conduzione dell’allenatore Gianesini.

Per i ragazzi felsinei è stata la prima sconfitta del campionato 2016-2017, una sconfitta che hanno vissuto con onore, punto su punto, meta su meta, con un susseguersi di azioni e cambi di fronte, che hanno piacevolmente divertito il folto pubblico che ha onorato con rispetto e sportività l’impegno e la fatica dei giovani atleti.

Seppur con una mischia dominante il Bologna non è riuscito a contenere le sfuriate avversarie dell’Imola che, con piu’ ordine e disciplina, ha concretizzato meglio le proprie occasioni segnando sul proprio ruolino di marcia 4 mete e 4 trasformazioni ben realizzate, d’altro canto il Bologna non è riuscito ad essere altrettanto efficace e cinico segnando solo 3 mete di ottima fattura ma senza riuscire a trasformarle.
Da tecnico trovo in questa bellissima prestazione, dove tutti hanno dato il massimo, lo spunto per dire che abbiamo alcune aree di miglioramento su cui lavorare nelle prossime settimane, maggiore ordine in campo nel lavoro difensivo senza palla e piu’ attenzione per evitare inutili falli che danno all’avversario la possibilità di giocare la palla e di riportare i nostri ragazzi nella nostra metà campo.

Insomma si sono viste ombre e luci ma sotto la guida attenta dei nostri responsabili tecnici Elia Navarra e Francesco Di Comite siamo certi che sapremo migliorarci e dalla meritata sconfitta troveremo la forza di imparare a fare meglio, insomma non ci manca nulla per giocare il girone di ritorno a “tutta manetta”. Onore al merito a coloro che sono scesi in campo a Ben Brahim Eskander, Forastiero Ivan, Panitti Riccardo, Rizzoni Francesco, Priola Fabio (1 meta), Piccioni Enrico, Mazzanti Mattia, Radu Diego, Gualandi Matteo, Setti Lupo, Galuppi Riccardo (1 meta),  Filipetti Jacopo, Elia Matteo, Blend Michael , Salsi Alessandro, Cappi Aksel, Negrini Alessandro, Govoni Riccardo, Romellini Pietro, Pezzoli Andrea (1 meta), Minarelli Giovanni (cap.).

Chi oggi malgrado la sconfitta ha meglio rappresentato il Man of the Match sono stati non 1 ma ben 3 atleti , tre ragazzi che con cuore e passione hanno dato il meglio di loro stessi , Mazzanti Mattia (n.1 pilone), Filippetti Jacopo (n.8 terza centro), Piccioni Enrico (n. 2 tallonatore). Siamo ormai giunti al termine di questo riassunto , di queste poche righe che spero abbiano dato il senso e la misura di questa emozionante partita , ora non ci resta che affrontare la prossima che ci vede sabato 10 dicembre sul campo del Faenza alle ore 17,00.

Dal vostro umile reporter, un saluto a tutti
MZ