Under 18 – Successo a domicilio del Noceto

Al “Nando Capra” di Noceto, fanno il loro esordio stagionale gli juniores del Bologna 1928. Puntuali, si parte agli ordini del signor Christian Covati, arbitro piacentino dell’incontro.

Dal colpo d’ occhio iniziale, si evince immediatamente una cosa: entrambe le squadre si presentano in condizioni d’emergenza. Infermeria piena per i bolognesi (soprattutto in prima linea) e 16 giocatori a foglio gara per i nocetani.

Comunque sia, si comincia a giocare e, dopo le prime scaramucce, i padroni di casa rompono gli indugi potandosi stabilmente nella metà campo bolognese. Così, in uscita da una ruck del 1928, la palla viene intercettata dal numero 6 nocetano che sblocca l’equilibrio.

L’intento parmigiano è chiaro: mettere fieno in cascina per poi provare a gestire il risultato quando arriverà l’ inevitabile calo fisico. Con l’acceleratore premuto, arriva così anche la seconda segnatura del Noceto, ancora una volta con il numero 6 che sfonda la diga ospite siglando la sua doppietta personale.

Sul finire del primo tempo però, vengono fuori i rossoblù e, dopo diverse fasi in attacco, il bravo Pezzoli trova lo spazio giusto e schiaccia in tuffo oltre l’ultima riga portando tutti all’intervallo sul 10 a 5.

Il secondo tempo inizia con i padroni di casa in difficoltà, mentre i bolognesi – ringalluzziti dalla segnatura – trovano fiducia. A causa di un placcaggio alto, arriva il cartellino giallo al numero 2 del Noceto. La superiorità numerica, rende i nostri ancora più intraprendenti e questa volta tocca a Fabio Priola timbrare la meta dopo aver letteralmente sfidato a capocciate l’ intero schieramento difensivo casalingo. Dalla piazzola, Filippo Covili trasforma e si va sul 10 a 12.

In inferiorità numerica e dopo aver subito il contro sorpasso, i nocetani vedono l’ obiettivo allontanarsi  e si sfilacciano. L’indisciplina aumenta e su un veloce attacco del Bologna, il numero 1 fa un tentativo di placcaggio (più maldestro che cattivo per la verità) decisamente pericoloso e l’arbitro mostra il cartellino anche a lui.

Con i padroni di casa rimasti in 13, il direttore di gara è costretto a dichiarare la mischia “no contest”. Verso la fine della gara, il Bologna trova la terza ed ultima marcatura della sfida, ancora una volta dopo una serie di ruck a pochi metri dall’ultima linea, con Radu abile a schiacciare per il definitivo 10 a 17 .

All’ultimo respiro, l’unica nota negativa di giornata: nell’ ultima ruck, praticamente a gioco finito, si fa male il nostro Matteo Elia che – per almeno un mese – andrà ad allungare la lista degli infortunati.

Per il resto, solo carezze verso i nostri ragazzi: i “senatori” del 2001, hanno tenuto in pugno la squadra e dato esempio di tenuta mentale, a cominciare da capitan Paganelli. I 2002 hanno dimostrato tutta la loro voglia di essere parte integrante di questa squadra. Infine, i 2003, chiamati ad un esordio per nulla facile, hanno dimostrato grande coraggio e volontà. Bravissimi tutti.

Macchione e Signora hanno preparato i nostri giovani a giocare una gara completamente fuori ruolo e, soprattutto in mischia, si è visto il prodotto delle tante ore di lavoro in allenamento.

Il “man of the match” è Matteo Elia, oggi schierato nell’inedito ruolo di mediano di apertura. Ha distribuito gioco e palloni dettando il ritmo alla squadra. A lui, oltre ai complimenti, anche gli auguri di una pronta guarigione.

Tabellini

Noceto Rugby vs HERA Rugby Bologna 1928 10 – 17

Hera Bologna Rugby 1928: 15)PETRACCA; 14)CASINI; 13)COVILI T.; 12)COVILI F.; 11)BLEND; 10)ELIA; 9)TARANTINO; 8)PRIOLA; 7)VIVIANO; 6)AURELI; 5)GUALANDI; 4)CALDARONE; 3)RADU; 2)PAGANELLI; 1)PEZZOLI; 16)CARASSITI; 18)LEVI; 20)EVANGELISTI; 21)ALBANELLI.



Marcatori: PEZZOLI, PRIOLA, RADU 1 Meta, COVILI F. 1 Trasf.



Testo Mauro Anteghini

Foto Fabio Tarantino